• it
  • en
  • fr
  • ru

La ricerca di nuove emozioni, scenari unici al mondo e chef stellati sono gli ingredienti del successo dell’ultima frontiera del food estremo: è Dinner in the Sky, la formula delle cene sospese a ben 50 metri di altezza, nata nel 2006 in Belgio, da un’idea di Uldis Kalnins, imprenditore estone trapiantato in Austria.

Dinner in The Sky: dall’11 al 14 giugno a Vienna con Silvia Baracchi

Ormai tra gli chef stellati “veterani” di “Dinner in the Sky”, dopo aver partecipato ad altre tre edizioni a Riga, Bruxelles ed Helsinki, Silvia Baracchi torna anche nel 2018 tra i protagonisti di questo incredibile evento: appuntamento a Vienna dall’11 al 14 giugno.

Insieme a lei, salirà sulla cucina sospesa il nostro chef emergente di Bottega Baracchi Mirco Carboni: le nostre due stelle faranno brillare, sia il pranzo che la cena, sospesi nei cieli di Vienna con un menù ricco di sapori, tradizione e gusto gourmet:

  • – Capesante con salsa di cipolla e seppia, al profumo di caffè
  • – Conchiglie di pasta ripiene di melanzane e mozzarella, servite su salsa al pomodoro e basilico con spuma di Parmigiano
  • – Filetto di manzo cotto a bassa temperatura, con patate, piselli ed erbe aromatiche
  • – Millefoglie al mascarpone con crumble al cacao
Dinner in the Sky - Silvia Baracchi
Dinner in the Sky - Silvia Baracchi

La formula del successo: Dinner in the Sky, il format

Ormai diventato un evento consolidato per gli appassionati dell’enogastronomia, Dinner in the Sky è in realtà nato quasi per caso, arrivando oggi ad essere presente in oltre 45 paesi del mondo, tra Europa, Australia, Giappone, Brasile, Canada e Cina.

Nel maggio 2006, l’agenzia di comunicazione Hakuna Matata insieme a The Fun Group, società specializzata in installazioni per parchi divertimenti, diede vita ad una delle feste di compleanno più surreali di sempre: un vero e proprio tavolo da pranzo sospeso nel cielo che, da quel momento in poi, iniziò a fare il giro del globo.

Più di 5000 eventi, da Parigi a Bogotà, da Sydney a Città del Capo, da Dubai a San Paolo: qualche esempio?
Una cena a Monaco per il Principe Alberto, un torneo di Poker durante il Gran Premio motociclistico di Spagna, un Internet Café per Nokia a Las Vegas: tutti rigorosamente sospesi nei cieli.
A prendere posto dietro le cucine, gli chef stellati della gastronomia mondiale: Pierre Gagnaire, Marc Veyrat, Heston Blumenthal, Anton Mosimann, Dani Garcia, Paco Roncero, Alain Passard e Yannick Alleno che hanno realizzato le loro meravigliose creazioni sorvolando i luoghi più suggestivi del pianeta, come la spiaggia di Copacabana,  le colline di Villa Borghese o  le rive del St. Lawrence.

Da ormai dodici anni il format è sempre lo stesso: sulla piattaforma sospesa gli ospiti (imbragati con attrezzature da bungee jumping) prendono posto attorno al tavolo da 22 coperti che circonda l’area centrale dove si muove lo chef, in una cucina a prova di vertigini.

Il cielo non conosce più limiti!

Scopri i dettagli dell’evento con Silvia Baracchi:

Pin It on Pinterest

Shares
Share This